Ott 26, Impianti Abbonati Impianti Impianti antincendio. Il collaudo è un atto tecnico-amministrativo, che si colloca alla fine dell’installazione dell’impianto… Leggi tutto. Avendo caratteristiche differenti, soprattutto in relazione al tubo di campionamento, i procedimenti di prova devono fare riferimento anche alle normative pertinenti nonché alle eventuali indicazioni del progettista. Si deve quindi verificare: Controllo effettuato per verificare la completa e corretta funzionalità delle apparecchiature e delle connessioni e la positiva corrispondenza con i documenti del progetto esecutivo. La presente norma si applica sia ai nuovi sistemi sia a quelli esistenti.

Nome: uni 11224
Formato: ZIP-Archiv
Sistemi operativi: Windows, Mac, Android, iOS
Licenza: Solo per uso personale
Dimensione del file: 26.36 MBytes

UNI Sistemi fissi automatici di rivelazione e di segnalazione allarme d’incendio – Progettazione, installazione ed esercizio UNI Controllo iniziale e manutenzione dei sistemi di estinzione incendi ad estinguenti gassosi UNI EN Alla famiglia dei rivelatori di fiamma appartengono dispositivi che operano secondo diversi livelli di sensibilità e principi funzionali. Verifica generale sistema Almeno ogni 10 anni Secondo indicazioni normative e legislative in funzione delle apparecchiature impiegate o delle istruzioni dei costruttori delle apparecchiature. Semplice registrazione conforme al piano di manutenzione programmata. Lista di riscontro per verifiche sul sistema A3. Lista di riscontro per verifiche sul sistema B2. Feb 28,

Norma UNI sulla manutenzione dei sistemi di

Controllo accurato e particolare del sistema, la cui periodicità e metodologia dipende dalle prescrizioni normative e legislative, relative ai singoli componenti utilizzati o dalle istruzioni del produttore delle apparecchiature impiegate. Rivelatore sensibile ai prodotti della combustione che sono in grado di influenzare le correnti dovute alla ionizzazione all’interno del rivelatore.

Interrompendo il collegamento della linea con il dispositivo controllato si deve avere: Prima di passare alla fase esecutiva delle prove, si deve eseguire un controllo preliminare che è costituito da una verifica visiva del sistema6.

  INDUTTANZA SCARICARE

Rivelatore sensibile a più di un fenomeno causato dall’incendio.

Nov 07, Ci sono parecchi articoli che parlano nui mantenimento in efficienza dell’impianto di rivelazione fumi; d. Tali documenti possono rappresentare documentazione da allegare al registro antincendio, ma non sostituiscono lo stesso.

UNI 11224 2011

Specifiche per gli evacuatori naturali di fumo e calore UNI Le schede di controllo in allegato A controllo iniziale e B controllo periodicosono: Thank you for interesting in our services.

Documenti da produrre e riportare nel registro. La presente norma si applica sia ai nuovi sistemi sia a quelli esistenti. Manutenzione straordinaria Registrazione del documento di intervento sottoscritto dal personale tecnico qualificato incaricato della manutenzione.

Una copia delle liste di controllo deve essere conservata dal responsabile del sistema e allegata al registro della manutenzione e dei controlli. We need your help to maintenance this website.

Il controllo periodico è effettuato da tecnico qualificato. Operazione od intervento finalizzato a mantenere in efficienza un in buono stato le attrezzature e gli impianti. Inoltre effettuare il controllo dei contatti delle stesse e del successivo ripristino della comunicazione radio. Controllo effettuato per verificare la completa e corretta funzionalità delle apparecchiature e delle connessioni e la positiva corrispondenza con i documenti del progetto esecutivo.

Sistemi di rivelazione incendi – Certifico Srl

Verifica della efficacia dei sistemi di segnalazione locali We are a non-profit group that run this website to share documents. Scopo delle attività di manutenzione è la verifica della funzionalità degli impianti e non della loro efficacia, per la quale si rimanda alla UNI Si deve quindi unk Ragione sociale Committente 3. La manutenzione obbligatoria secondo la legislazione vigente dei sistemi di rivelazione incendio deve essere eseguita con la periodicità minima indicata nel prospetto 1.

  SCARICA CANON 6D

uni 11224

Fondamentale è realizzare un impianto a regola d’arte ma ancor più importante è mantenerlo sempre in efficienza e funzionante soprattutto quelle parti degli impianti destinati alla sicurezza delle persone e perchè no, anche dei beni come l’impianto di illuminazione di sicurezza e 11224 di rivelazione incendi. Rivelatore che risponde ini temperatura sorvegliata in prossimità di una linea continua. Prova dei rivelatori di fiamma Alla famiglia dei rivelatori di fiamma appartengono dispositivi che operano secondo diversi livelli di sensibilità e principi funzionali.

uni 11224

Lista di riscontro per controlli addizionali su sistema con ASD B3. Prima di operare su un sistema antincendio è necessario almeno predisporre generalmente quanto segue: Tutti i singoli dispositivi costituenti il sistema devono essere provati seguendo le istruzioni stabilite dal produttore e, obbligatoriamente, le verifiche devono interessare: Rivelatore sensibile a più di un fenomeno causato dall’incendio.

Controllare inoltre, almeno mensilmente, che materiale di ricambio quale vetrini per pulsanti manuali siano presenti in quantità sufficiente oppure effettuare riordino.

I documenti devono essere prodotti secondo il prospetto 2. Sono comunque raccomandati al minimo un multimetro e, nel caso di sistemi comunicanti in modo seriale, un oscilloscopio od un analizzatore in grado di visualizzare la qualità della comunicazione seriale.